ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Giappone crea il ministero della difesa

Lettura in corso:

Il Giappone crea il ministero della difesa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Giappone si è dotato di un ministero della difesa, per la prima volta dal Dopoguerra. Ministro è stato nominato Fumio Kyuma, ex capo dell’agenzia di difesa che finora ha gestito le forze armate. Dopo la sconfitta nella II guerra mondiale, il Giappone adottò, ancora sotto l’occupazione americana, una Costituzione pacifista, con un esercito che può sparare solo per legittima difesa.

Ora le cose stanno cambiando: con l’arrivo al potere del premier Shinzo Abe e in risposta alle potenziali minacce militari cinese e soprattutto nordcoreana, il Giappone adotta un’organizzazione militare come qualsiasi altro Stato sovrano. “La transizione da agenzia a ministero – ha detto il premier – dimostra al mondo la maturità del Giappone come nazione democratica, la nostra fiducia nel controllo civile sull’esercito e la nostra forte intenzione di giocare un ruolo importante nel mantenimento della sicurezza nell’Asia orientale”.

Le novità amministrative fanno parte di una profonda riforma della politica di difesa dell’Arcipelago, che già adesso vanta un budget militare tra i più grandi del mondo. In seguito alle minacce nucleari provenienti dalla Corea del Nord, la maggioranza conservatrice al governo ha aperto un dibattito sulla necessità di dotarsi anche dell’arma atomica.