ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Somalia, richiesto dal Gruppo di Contatto il finanziamento urgente di un contingente di pace

Lettura in corso:

Somalia, richiesto dal Gruppo di Contatto il finanziamento urgente di un contingente di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

Una forza internazionale di pace per la Somalia, da finanziare in via d’urgenza, è la principale richiesta del Gruppo di Contatto riunitosi a Nairobi, in Kenia. Il vertice era stato sollecitato dagli Stati Uniti, nel timore che il sostanziale vuoto istituzionale nel paese del Corno d’Africa possa offrire spazio al terrorismo islamico.

“Siamo preoccupati per le minacce di al-Qaida in tutto il mondo” dice l’inviata di Washington, Frazer, “e il modo migliore per contrastarle è di portare stabilità in Somalia”.

Nel caos politico e militare da più di quindici anni, l’ex colonia italiana è stata teatro di combattimenti talmente violenti da costringere alla fuga il contingente Onu, nel 1995.

L’invio di una nuova missione di pace è comunque vincolata all’avvio di un processo politico tra le parti in conflitto. Il capo del governo somalo di transizione, Ali Mohammed Gedi, insiste sull’urgenza dell’arrivo sul terreno di truppe capaci di sostituire i militari etiopici. Questi ultimi impediscono per ora il ritorno dei fondamentalisti delle Corti islamiche, ma non potranno restare che poche settimane. In questa prospettiva l’autorità provvisoria sta lavorando alacremente per ricostituire un esercito regolare.