ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq, si moltiplicano gli omaggi popolari a Saddam Hussein

Lettura in corso:

Iraq, si moltiplicano gli omaggi popolari a Saddam Hussein

Dimensioni di testo Aa Aa

A tre giorni dall’esecuzione di Saddam Hussein, migliaia di iracheni continuano a rendergli omaggio. A Samarra, a Dor, a Tikrit, città natale dell’ex dittatore, si sono svolte cerimonie funebri. In molti casi, membri del partito Baath, fedeli a Saddam, hanno brandito armi automatiche, senza che le forze di sicurezza irachene glielo impedissero. Mentre in tutto il Paese infuriano le polemiche sulle modalità dell’esecuzione del condannato, un’intervista all’infermiere americano che lo ha curato fa emergere un ritratto inedito di Saddam.

“Era un uomo molto ordinato – dice il sergente Robert Ellis – non protestava mai. Le rare volte in cui faceva un’osservazione, questa si rivelava del tutto legittima. Ma qualsiasi cosa accadesse, lui non protestava. Amava leggere e scrivere. Gli davamo 45 minuti di tempo per passeggiare in un cortile. Lì c’era un piccolo giardino che lui annaffiava, anche se c’erano solo delle erbacce, ma lui voleva farlo lo stesso”.

Perfino nella città sciita di Dujail, gli appartenenti a una tribù sunnita hanno potuto, indisturbati, manifestare in memoria di Saddam Hussein. La tomba dell’ex dittatore, nel villaggio di Awja, è diventata un luogo di pellegrinaggio.