ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fissata l'autopsia sul cadavere di Welby

Lettura in corso:

Fissata l'autopsia sul cadavere di Welby

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ fissata per oggi l’autopsia che dovrà stabilire la causa del decesso di Piergiorgio Welby. L’italiano affetto da distrofia muscolare terminale che da mesi chiedeva di essere lasciato morire e che è stato aiutato in questo dal medico anestesista Mario Riccio nella notte tra mercoledi e giovedi. Il medico è già stato sentito dalla magistratura come persona informata sui fatti nel pomeriggio di ieri.

Un gesto quello compiuto da Riccio che ha subito scatenato polemiche. Anche se a destra qualcuno ha chiesto l’arresto dell’anestesista, è trasversale sulla scena politica italiana, la volontà di regolare con la legge la delicata questione dell’accanimento terapeutico. Cosi la pensa Ignazio La Russa di Allenza Nazionale. Per Livia Turco, ministro della Salute, la vicenda pone ancora piu’ forte l’accento sul bisogno di occuparsi dei malati terminali.

Welby, morto a 60 anni, aveva mostrato i primi sintomi della distrofia muscolare a 18 anni. A 33 era già su una sedia a rotelle. Costretto a sopravvivere grazie a un respiratore, Welby aveva chiesto il 22 settembre scorso in una lettera al presidente Napolitano di poter morire.