ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

George Bush non esclude l'invio di nuove truppe in Iraq

Lettura in corso:

George Bush non esclude l'invio di nuove truppe in Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella tradizionale conferenza stampa di fine anno il presidente degli Stati Uniti ha ventilato l’ipotesi d’inviare nuove truppe per risolvere le difficoltà che le forze armate stanno incontrando in Iraq.

Ieri per la prima volta aveva ammesso che le forze statunitensi non stanno vincendo ma che non stanno neanche perdendo. Un giornalista gli ha fatto notare che meno di due mesi fa Bush aveva detto di essere assolutamento convinto di stare vincendo. Come mai questo cambiamento di opinione, gli è stato chiesto?

“La mia dichiarazione precedente – ha detto Bush – voleva dire che vinceremo sicuramente. E se non pensassi questo avrei già ritirato le truppe. Vinceremo. La mia dichiarazione di ieri rifletteva il fatto che il successo non arriva così velocemente come lo speravo. E che le condizioni in Iraq sono difficili”.

Il presidente Bush ha anche detto che non saranno avviate consultazioni con Iran e Siria sul futuro dell’Iraq fíno a quando Teheran non rinuncerà al suo programma nucleare e Damasco non s’impegnerà per la stabilità del Libano.