ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le tensioni tra Hamas e Al Fatah degenerano in aperti scontri a Ramallah

Lettura in corso:

Le tensioni tra Hamas e Al Fatah degenerano in aperti scontri a Ramallah

Dimensioni di testo Aa Aa

Secondo alcuni testimoni, le forze di sicurezza fedeli al presidente moderato Mahmud Abbas hanno aperto il fuoco su un gruppo di manifestanti sceso in piazza a favore dei radicali di Hamas in occasione dell’anniversario della fondazione del movimento islamico. Una quindicina di persone sarebbero rimaste ferite. All’origine degli scontri, la sparatoria di ieri contro il convoglio del premier radicale Haniyeh. Hamas accusa al Fatah di tentato omicidio e in particolare Mohammad Dahlan, il deputato ed ex ministro della sicurezza di al Fatah che avrebbe secondo loro commissionato l’azione.

Haniyeh, di ritorno da un tour in vari paesi islamici, era stato trattenuto per otto ore dalle autorità israeliane al terminal di Rafah, tra Gaza e l’Egitto. Secondo Hamas le guardie presidenziali, che hanno già smentito, avrebbero aperto il fuoco all’uscita di Hanieh dal terminal. Il premier è uscito indenne, mentre una sua guardia del corpo è stata uccisa e altre cinque persone sono rimaste ferite: tra loro anche un figlio di Haniyeh.

Le autorità israeliane hanno dichiarato che non intendevano far passare i quasi 27 milioni euro in contanti che Haniyeh aveva raccolto nel suo tour per pagare i funzionari del governo. Denaro che secondo Israele sarebbe invece servito a finanziare azioni terroristiche.