ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Concluse le indagini sulla morte di Diana: è stato un incidente

Lettura in corso:

Concluse le indagini sulla morte di Diana: è stato un incidente

Dimensioni di testo Aa Aa

Non è stato un omicidio né un complotto. La polizia britannica pubblicherà oggi il rapporto sulla morte della principessa Diana e di Dodi al-Fayed, avvenuta a Parigi nel 1997. Dalle indagini emerge qualche nuovo particolare, come il fatto che l’autista Henri Paul era un agente del controspionaggio francese mentre le telefonate di Diana, per ragioni ignote, nelle ore precedenti il dramma sarebbero state intercettate dai servizi segreti americani. Il padre di Dodi, Mohammed al-Fayed ha giudicato incredibili le conclusioni dell’inchiesta. Secondo lui il capo degli inquirenti è stato ricattato per non ammettere che Diana è stata eliminata dai servizi segreti britannici perché scomoda per la famiglia reale.

Le ricerche di Scotland Yard, durate tre anni e costate milioni di sterline, arrivano alle stesse conclusioni dell’inchiesta francese del 1999. “E’ stato un totale spreco di tempo e denaro. E’ stata vittima di un autista ubriaco e perché debbano assecondare questi teorici della cospirazione proprio non lo capisco”, dice un cittadino di Sua Maestà. La polizia britannica considera ormai come punti fermi che l’autista aveva bevuto troppo e che, guidando a 160 all’ora per scappare dai paparazzi, ha perso il controllo dell’auto. Scotland Yard aggiunge che la macchina non era stata sabotata e che Diana non era incinta.