ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La tensione resta alta in Libano. Continuano le manifestazioni dell'opposizione

Lettura in corso:

La tensione resta alta in Libano. Continuano le manifestazioni dell'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella serata di ieri dopo la processione che ha accompagnato il feretro di un militante sciita, ucciso domenica con un colpo di pistola, sono scoppiati scontri in diversi quartieri di Beirut. L’esercito libanese è intervenuto per dividere le opposte fazioni. Nel quartiere sunnita di Qasqas almeno due persone sono rimaste ferite.

Il sit-in organizzato dal partito di Dio va avanti da quattro giorni per chiedere le dimissioni del governo di Fuad Siniora. Il primo ministro ha parlato di fronte a un gruppo di sostenitori: “Esistono anche altri gruppi capaci di mobilitare la popolazione per le strade. Credo però che non bisogna innescare una competizione”.

La residenza del premier è sempre sorvegliata dai mezzi blindati. Secondo alcuni osservatori le proteste anti governative potrebbero degenerare in sanguinosi scontri tra le varie comunità religiose libanesi.