ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq: una trentina di morti in poche ore

Lettura in corso:

Iraq: una trentina di morti in poche ore

Dimensioni di testo Aa Aa

A Bagdad non si placano le violenze interconfessionali. Stamane, a nord della capitale, una bomba è scoppiata al passaggio di un autobus successivamente preso di mira da alcuni uomini armati. Il bilancio è di 15 morti, tutti civili e impiegati nella Fondazione Sciita, incaricata della gestione dei siti religiosi e delle moschee. Sempre stamane, tre autobomba sono esplose vicino a una stazione di benzina a Bayaa, quartiere multi-etnico del sud di Bagdad. Anche qui il bilancio è stato pesante: 16 morti e 25 feriti.

Sul piano politico, il presidente degli Stati Uniti George Bush ha incontrato ieri alla Casa Bianca Abdul Aziz al-Hakim, leader del più importante partito sciita, il Consiglio supremo per la rivoluzione islamica in Iraq. “Gli ho detto che non siamo soddisfatti della velocità con la quale la situazione progredisce in Iraq ha precisato Bush e che vogliamo continuare a lavorare con il sovrano governo iracheno”. In esilio in Iran ai tempi del regime sunnita di Saddam Hussein, Al-Hakim ora spinge affinché gli Usa colpiscano più duramente la guerriglia sunnita.