ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: Colpo d'acceleratore nella campagna per le presidenziali

Lettura in corso:

Francia: Colpo d'acceleratore nella campagna per le presidenziali

Dimensioni di testo Aa Aa

Con la candidatura di Nicolas Sarkozy, potrebbero presto farsi avanti gli altri pretendenti conservatori all’Eliseo in vista delle primarie del 14 gennaio. A colpi di sondaggi, il ministro degli interni e presidente dell’Ump, si delinea come il profilo preferito tra i presidenzialibili di destra, tra cui lo stesso Chirac, il premier Villepin e il ministro della difesa Alliot-Marie.

George Tron, deputato dell’Ump, spiega: “E’ necessario che questo dibattito sia nutrito, democratico, che ognuno possa esprimersi alle primarie dell’Ump, e che tutte le posizioni siano ben comprese dai o dal candidato e in particolare dal presidente del movimento Sarkozy”.

Le presidenziali 2007 sono tutt’altro che scontate. Alcuni elettori: “Sarkozy. E’ qualcuno che parla molto e non fa niente”.
“Penso che oggi sia la sola persona di destra capace di lottare contro Ségolène Royal. Penso che i francesi abbiano bisogno di uno stacco con la politica di sempre. E questi due personaggi politici, apparentemente incarnano questa rottura”.

Sul fronte opposto, la candidata socialista Ségolène Royal, sorprende tutti con un viaggio a sorpresa in una delle zone più calde di questo momento, il Libano. Accolta dal presidente del partito socialista progressista, Walid Jumblatt, la Royal ha modo di lanciarsi sul piano internazionale a lei poco conosciuto. “Penso che la questione libanese ha detto sia molto importante, considerando che l’indipendenza, la stabilità e la pace sono una delle condizioni per l’equilibrio geopolitico globale”. Un viaggio organizzato in segreto al quale ha comuque partecipato un folto gruppo di giornalisti francesi. La campagna per le presidenziali 2007 è ormai entrata nel vivo.