ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israeliani e palestinesi s'impegnano a far rispettare il cessate il fuoco

Lettura in corso:

Israeliani e palestinesi s'impegnano a far rispettare il cessate il fuoco

Dimensioni di testo Aa Aa

Le forze di sicurezza palestinesi hanno cominciato a posizionarsi nel nord della Striscia di Gaza poche ore dopo l’entrata in vigore del cessate il fuoco con Israele. Il presidente palestinese ha detto di voler fare tutto il possibile per far rispettare la tregua raggiunta ieri sera dopo un difficile negoziato. Mahmudd Abbas aveva chiesto al primo ministro Olmert di cessare ogni attività militare a Gaza, ma quest’ultimo aveva rifiutato. Poi la svolta: tutte le fazioni palestinesei firmano un documento nel quale s’impegnano a interrompere il lancio di razzi.

Nonostante ciò in mattinata due diversi gruppi palestinesi hanno bersagliato la città israeliana di Sderot violando il cessate il fuoco.

Il premier palestinese Ismail Hanieh ha detto che l’accordo reggerà dopo il primo periodo di assestamento.

“Il cessate il fuoco è in corso d’applicazione. E per far rispettare l’accordo inter-palestinese terremo una nuova riunione delle diverse fazioni per studiare la situazione”.

Il premier israeliano Ehud Olmert ha detto che Israele nei prossimi giorni farà prova di pazienza.

“Questo potrebbe essere l’inizio di negoziati seri e aperti con l’autorità palestinese. Io e il presidente Abbas dovremo trovare una soluzione globale”.

I soldati israeliani hanno saputo dalla radio della fine delle operazioni che in cinque mesi sono costate la vita a 453 palestinesi, in maggioranza civili.

Nei giorni scorsi il leader di Hamas Khaled Meshaal aveva avvertito la comunità internazionale su una possibile terza Intifada se entro sei mesi non verra favorita la nascita di uno Stato Palestinese.