ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libano, assassinato il giovane ministro Pierre Gemayel

Lettura in corso:

Libano, assassinato il giovane ministro Pierre Gemayel

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministro libanese dell’industria Pierre Gemayel è stato ucciso in un attacco alla periferia nord di Beirut. L’autovettura che stava guidando è stata bloccata da 3 uomini armati e crivellata di colpi. Da più parti è stata indicata la vicina Siria come responsabile dell’assassinio, l’ennesimo di personaggi antisiriani in un anno e mezzo. Ma Damasco nega ogni coinvolgimento e condanna l’attacco. Proprio in queste settimane, la comunità internazionale discute sul ruolo che la Siria può giocare nella pacificazione del Medio Oriente.

Trentaquattro anni, ministro del governo Siniora dal luglio 2005, Pierre Gemayel era discendente di una storica famiglia cristiano maronita. Portava il nome del nonno, fondatore del partito Kataeb; era figlio dell’ex presidente della Repubblica Amin Gemayel e nipote di Bashir, anche lui presidente, assassinato nel 1982, nove giorni dopo avere assunto la carica di capo dello Stato.

Deputato dal 2000, Pierre Gemayel junior si è messo in luce nella politica libanese quando, dopo l’assassinio dell’ex premier Rafik Hariri, prese parte alla cosiddetta rivoluzione dei Cedri, che portò alla partenza dei militari siriani dal Libano. Come ministro dell’industria, ha lanciato un piano di sviluppo battezzato “Industria per la gioventù 2010”.