ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Intesa sulla riforma per il Mediterraneo, prolungate le norme per la pesca a strascico

Lettura in corso:

Intesa sulla riforma per il Mediterraneo, prolungate le norme per la pesca a strascico

Dimensioni di testo Aa Aa

Accordo raggiunto a Bruxelles sulla riforma della pesca per il Mediterraneo. L’Italia ha chiesto la possibilità di effettuare pesca a strascico anche ad una distanza inferiore al criterio imposto, un miglio e mezzo dalla costa, laddove coesistono condizioni di profondità del mare.

I ministri della pesca hanno trovato anche un’intesa sulle quote relative alla acque profonde, per pesci che appartengono soprattutto alla famiglia degli squali. Nei prossimi due anni gli stati membri interessati, in particolare Francia e Spagna, si sono impegnati a ridurre dal 10 al 25% il pescato delle specie piú minacciate.

Tra le principali novità della riforma c‘è quella del diario di bordo elettronico. Sostituirà il registro redatto finora manualmente. Via Internet si comunicheranno le quantità di pescato, carichi e vendite. Sarà obbligatorio sui pescherecci di oltre 15 m. Per combattare la pesca di frodo dal 2009 gli stati membri dovranno allestire un sistema di controllo con foto satellitari.