ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni olandesi: Balkenende tallonato dalla sinistra

Lettura in corso:

Elezioni olandesi: Balkenende tallonato dalla sinistra

Dimensioni di testo Aa Aa

Possibili coalizioni di governo prive di maggioranza assoluta, un numero spropositato di indecisi: si presentano così i Paesi Bassi a un giorno dalle elezioni politiche. Domani sono 12 milioni gli olandesi chiamati al voto ma 4 su 10 non avrebbero ancora le idee chiare. Le previsioni della vigilia continuano a dare in vantaggio il premier uscente, il conservatore, Jan Peter Balkenende. Nonostante ciò il suo partito Cristiano democratico si accaparrerebbe non più di un terzo dei 150 seggi della camera bassa del parlamento.

Tutto questo mentre il partito Laburista, secondo nelle intenzioni di voto, avrebbe accorciato le distanze. Il leader Wouter Bos ha fatto di tutto per dare l’immagine di una sinistra che ha possibilità di vincere. Ieri Bos ha incontrato il capo del partito Socialista Jan Marijnissen e la leader dei Verdi Femke Halsema per discutere di un eventuale accordo di governo, ma i numeri anche in questo caso non sono dalla loro parte.

La linea dura sull’immigrazione, incarnata dal ministro uscente Rita Verdonk, avrebbe fatto perdere consensi al suo Partito liberale. E neanche il fronte populista, questa volta capeggiato da Geert Wilders, dovrebbe ottenere grandi risultati. La proposta governativa di vietare il Burqa spingerebbe piuttosto gli elettori di origine straniera verso la sinistra.

L’economia gioca invece a favore del premier uscente: un tasso stimato di crescita al 3% e il calo della disoccupazione restano un buon biglietto da visita per Balkenende.