ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Prima visita di un capo della diplomazia siriana in Iraq

Lettura in corso:

Prima visita di un capo della diplomazia siriana in Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Un calendario per il ritiro delle forze straniere dall’ Iraq potrebbe ridurre la violenza nel paese. Lo ha detto a Baghdad il ministro degli esteri siriano, Walid Muallem, a margine di un incontro con il suo omologo iracheno Hoshyar Zabari. Per il capo della diplomazia di Damasco si tratta della prima visita dopo la caduta di Saddam. I due ministri hanno parlato anche del problema della messa in sicurezza dei confini tra la Siria e l’Iraq, attraverso i quali la guerriglia irachena riesce a far passare rifornimenti e munizioni.

Il riavvio della attività diplomatica non riesce tuttavia a nascondere la grave situazione in cui versa l’Iraq, e che anche nella giornata di domenica ha causato una lunga lista di vittime. Attentati a Baghdad, a Kirkuk e a Hilla. In questa ultima città si è registrato l’episodio più grave, un attentato suicida che ha ucciso 22 persone, in maggioranza uomini alla ricerca di un lavoro. Secondo fonti di stampa l’autore dell’attacco sarebbe stato un cittadino siriano.

Il clima da guerra civile che aleggia sul paese preoccupa anche fuori dall’Iraq. A Londra l’ex segretario di stato Usa Kissinger ha parlato un una guerra ormai persa ed ha proposto la convocazione di una conferenza internazionale.