ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuovo blitz del Nasdaq sul London Stock Exchange, ma Londra rufiuta l'offerta

Lettura in corso:

Nuovo blitz del Nasdaq sul London Stock Exchange, ma Londra rufiuta l'offerta

Dimensioni di testo Aa Aa

New York chiama Londra, una seconda volta. E Londra dice ancora no. Il Nasdaq Stock Market, la società che gestisce il mercato elettronico americano, ha nuovamente lanciato un’opa ostile per acquisire la quota restante, circa il 71%, del London Stock Exchange. L’offerta, di 1,243 pence per azione, valuta la borsa di Londra 2,7 miliardi di sterline, cioè 4 miliardi di euro. Ma il Lse ha rifiutato, giudicando il prezzo troppo basso.

Attualmente, anche Euronext è in fase di avanzata trattativa per una fusione entro l’anno con la Borsa di New York. Se i due merger transoceanici si realizzassero, il Nyse-Euronext e il Nasdaq Lse arriverebbero ad avere rispettivamente una capitalizzazione di 21.500 miliardi di euro per e di 9.500 miliardi di euro.

Il mercato ha festeggiato in anticipo le nozze, il titolo Lse, che da inizio anno ha segnato un aumento di più del 100%.
L’opa, per quanto ostile, ha rimesso in moto il processo di consolidamento delle piazze finanziarie europee. Ma grande esclusa dai giochi è rimasta Deutsche Boerse, che mercoledì scorso ha definitivamente abbandonato le speranze di alleanza con Euronext. L’offerta tedesca, pari a più di 10 milioni di dollari, è stata rigettata dall’operatore pan-europeo, a cui il Nyse ha offerto invece oltre 13 milioni di dollari. Al bivio Borsa Italiana, che deve decidere se puntare sulla quotazione e proseguire in solitudine oppure unirsi a Euronext accettando le condizioni di palese inferiorità numerica nel board.