ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni olandesi: solo il populista Wilders tocca in campagna il tema dell'immigrazione

Lettura in corso:

Elezioni olandesi: solo il populista Wilders tocca in campagna il tema dell'immigrazione

Dimensioni di testo Aa Aa

L’immigrazione è uno dei temi che più preoccupano gli olandesi. Eppure durante la campagna elettorale di queste legislative non se n‘è parlato. Un tema trascurato perché sulla politica restrittiva del governo uscente è stato raggiunto un generale consenso tra le maggiori forze politiche.

A puntare molto su immigrazione, sicurezza e terrorismo invece le piccole formazione d’estrema destra, tra cui il Freedom Party di Geert Wilders, erede di Pim Fortuyn. Che ha cavalcato il sentimento d’ostilità verso l’Islam, crescente ultimamente in Olanda. “Temo che uno tzunami d’islamizzazione possa travolgere l’Europa e l’Olanda, l’Islam è una religione violenta, il Corano è violento, pertanto dobbiamo smettere di aprire le porte del nostro paese a altri islamici. Faccio una distinzione tra persone e religione, non credo in un islam europeo moderato. L’islam è una religione sbagliata, ma ho fiducia nella gente per cui penso che dovremo cercare di investire nei mussulmani moderati che fortunatamente sono la maggiorparte in Olanda”.

Parole che fanno vibrare le corde dell’Olanda più conservatrice e non. Negli ultimi anni, come rilevano diverse ricerche, sono aumentati i cittadini che chiedono leggi più severe per limitare il numero di immigrati e dei richiedenti asilo politico. Da qui una normativa sull’immigrazione più dura varata dai cristiano democratici di Balkenende e i conservatori.

I laburisti hanno lasciato fare, come spiega il direttore del centro studi per l’immigrazioni nel mediterraneo. “Hanno avuto paura di perdere elettori, hanno accettato molte misure discriminatorie nei confronti degli immigrati. Siamo molto delusi , non ci sono posizioni chiare verso le misure di espulsione, quelle di sicurezza e i provvedimenti che limitano il ricongiungimento familiare”.

Malgrado la complessità del problema, i partiti maggiori hanno focalizzato la propria campagna elettorale sull’economia, che sta conoscendo un momento d’espansione. Una strategia dettata sempre dai sondaggi che rilevano anche la stanchezza degli olandesi per temi quali immigrazione e integrazione, e oggi più attenti alla riforma del sistema sanitario e a quello delle pensioni e delle tasse.