ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Mauritania verso il ritorno alla democrazia. Oggi si elegge il parlamento

Lettura in corso:

La Mauritania verso il ritorno alla democrazia. Oggi si elegge il parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

La Mauritania al voto per le prime elezioni parlamentari nel processo democratico iniziato un anno fa con il rovesciamento del regime ventennale del presidente Taya. La giunta militare arrivata al potere nell’agosto 2005 ha deciso di ridare gradualmente il potere ai civili con una transizione destinata a durare 19 mesi.

Una missione di osservatori dell’Unione europea sorveglia lo svolgimento delle operazioni. “Crediamo che questa sia solo la prima tappa di un lungo cammino – ha detto Alain Hutchinson capo della delegazione europea -. Non si può risolvere un problema decennale con un solo voto. Ma è importante che si parta bene”.

La Repubblica islamica di Mauritania è un paese africano principalmente desertico con una popolazione di poco superiore ai tre milioni, metà dei quali sono analfabeti. La legge elettorale permetterà una rappresentanza femminile del 20%. “La quota riservata alle donne è molto importante – dice la candidata Ramdane Tadjine – Permetterà alle donne di contribuire pienamente allo sviluppo sociale ed economico del paese”. Le prossime scandeze elettorali sono quella per il senato e gennaio e le presidenziali di marzo che segneranno la fine della giunta militare.