ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Ciad teme il conflitto sudanese e proclama lo stato d'emergenza

Lettura in corso:

Il Ciad teme il conflitto sudanese e proclama lo stato d'emergenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Ciad ha proclamato lo stato d’emergenza in alcune regioni in seguito alle violenze che nelle ultime settimane avrebbero fatto centinaia di morti, soprattutto tra la popolazione non araba. Il governo di ‘Ndjamena ha esplicitamente accusato dei massacri le milizie arabe provenienti dal Sudan. Una versione che le Organizzazioni non governative sul posto non hanno finora confermato.

Le misure eccezionali, scattate a mezzanotte e in vigore per almeno 12 giorni, riguardano non sole le regioni al confine con il Darfur ma anche la capitale e altre zone. I pieni poteri sono stati assunti da responsabili locali che hanno anche la facoltà di censurare la stampa.

Il provvedimento d’emergenza è stato criticato dall’opposizione. In aprile alcuni ribelli ciadiani attaccarono la capitale ma anche in quel caso il governo accusò i vicini sudanesi. Nel caso di un’effettiva estensione in Ciad del conflitto già in atto in Darfur, i primi a pagare saranno proprio quei i profughi che oltrefrontiera avevano cercato rifugio.