ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vittoria plebiscitaria per i separatisti osseti del sud

Lettura in corso:

Vittoria plebiscitaria per i separatisti osseti del sud

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ossezia del Sud ha votato per l’indipendenza dalla repubblica Georgiana con il 99% dei voti. La regione separatista, appoggiata dalla Russia, lo ha deciso con un referendum che ha tutta l’aria di un plebiscito, ma che la comunità internazionale non riconosce. I 55mila chiamati alle urne hanno votato anche per la presidenza: votazione vinta dal presidente in carica Eduard Kokoity con il 96% dei voti.

Kokoity ha tenuto a sottolineare che non è la sua rielezione la vera vittoria del giorno, ma la scelta della maggioranza del popolo osseto del sud di staccarsi dalla Gerogia. “Anche se oggi nessuno riconosce questo risultato, dovranno riconoscerlo domani”, ha detto Kokoity che ha conculso dicendo che di fatto l’Ossezia del sud è già roconosciuta.

Nella piccola regione separatista però non tutti vogliono staccarsi dalla Georgia e rientrare a fa parte della Russia. Un referendum e una elezione presidenziale alternativi sono stati promossi dalla minoranza sud osseta che al contrario di Kokoity disidera restare parte dello stato georgiano.

Secondo gli organizzatori vi hanno partecipato circa 42.000 persone. In questo caso il plebiscito è stato opposto. Restare parte della Georgia. Come presidente è stato eletto Dimitri Sanakoyev. Oggi imprenditore di successo il presidente alternativo e non speratista è stato ministro della difesa e vicepremier in Ossezia del Sud.