ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Ossezia del Sud affida la legittimazione a un referendum

Lettura in corso:

L'Ossezia del Sud affida la legittimazione a un referendum

Dimensioni di testo Aa Aa

Un referendum per formalizzare l’indipendenza dalla Georgia e l’elezione del presidente della repubblica, carica per la quale è favorito l’attuale capo dello stato, Edouard Kokoity. 55 mila elettori dell’Ossezia del Sud sono chiamati, oggi, alle urne in un clima di forti tensioni.

Nel 1992, dopo due anni di guerra civile, l’Ossezia del Sud si è autoproclamata indipendente da Tiblisi, ma fino ad oggi non ha ottenuto alcun riconoscimento internazionale. La regione, dove vivono circa 70 mila persone, non ha rinunciato ai propri propositi di autonomia.

Referendum ed elezione presidenziale non sono visti con favore nè dalla Georgia, nè dalla comunità internazionale per il rischio che possano aggravare la crisi tra Mosca e Tiblisi, già a livelli di guardia dopo l’arresto, a fine settembre, di quattro ufficiali russi accusati dal governo georgiano di spionaggio. Le frontiere tra l’Ossezia del Sud e la Georgia sono presidiate da un contingente russo. Da tempo Tiblisi reclama la smilitarizzazione della regione.