ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Euroscetticismo fra la popolazione turca dopo il giudizio negativo di Bruxelles

Lettura in corso:

Euroscetticismo fra la popolazione turca dopo il giudizio negativo di Bruxelles

Euroscetticismo fra la popolazione turca dopo il giudizio negativo di Bruxelles
Dimensioni di testo Aa Aa

E’ una miscela di disillusione e amarezza quella che si respira in Turchia dopo il giudizio negativo espresso dalla Commissione Europea sullo stato delle riforme nel Paese. Alcuni commenti raccolti per le strade di Istanbul:

“Se entra nell’Unione, la Turchia è fregata” dice senza mezzi termini un cittadino di Istanbul.

“L’Unione Europea è una comunità cristiana: sarà difficile che ci accettino” commenta un altro.

Una ventata di sfiducia che interessa in particolare i più giovani. Due su tre sono ormai convinti che l’adesione non sia nell’interesse del popolo turco. E per il 62% degli studenti il Paese non potrà mai entrare in Europa:

“Quando sono iniziati i negoziati l’anno scorso ero a favore. Ma visto il comportamento degli europei nei nostri confronti, ora la cosa mi spaventa” dice una ragazza.

“Non staremo certo a supplicare: vi prego accettateci!” ironizza uno studente.

Le posizioni non cambiano troppo passando dalla strada al giudizio degli analisti. Cengis Aktar, direttore del Centro di Studi sull’Europa:

“La Turchia è un po’ il figlio indesiderato del processo d’allargamento. Riceve un sesto degli aiuti che gli altri Paesi hanno avuto nella fase di pre-adesione. La Commissione è quasi invisibile in Turchia: tenta di coprire un grande Paese come questo con un unico ufficio ad Ankara”.

Paese a maggioranza musulmana, la Turchia con il suo ponte sul Bosforo ha una posizione strategica di collegamento fra Europa e Asia. E in Europa stessa il suo accesso al club dei Venticinque è visto come un passaggio obbligato per alcuni. Troppo complesso, se non inopportuno, per altri.