ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, i cinque minori arrestati a Marsiglia davanti al giudice istruttore

Lettura in corso:

Francia, i cinque minori arrestati a Marsiglia davanti al giudice istruttore

Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbero essere rinviati a giudizio e processati i cinque minorenni arrestati a Marsiglia perché sospettati dell’assalto incendiario a un autobus di linea. I cinque, tutti di età tra i 15 e i 17 anni, sono anche accusati di aver causato gravi ustioni a una studentessa di origine senegalese, l’unica dei passeggeri che non è riuscita ad abbandonare in tempo il veicolo dato alle fiamme ed ancora in gravi condizioni.

Se giudicati colpevoli i cinque rischiano trenta anni di carcere, oppure l’ergastolo, se la vittima della loro azione dovesse perdere la vita. L’episodio di Marsiglia è il terzo del genere accaduto in Francia nel giro di una settimana, dopo Nanterre e Lione, ed alimenta le polemiche sulla sicurezza e sulla devianza giovanile, un tema che rischia di piombare sulla imminente campagna elettorale per le presidenziali.

Nicholas Sarkozy, ministro dell’Interno e futuro candidato della destra per l’Eliseo, ha visitato in ospedale la ragazza bruciata nel bus marsigliese, e ha auspicato una riforma che permetta di punire “i minori con più di sedici anni come se si trattasse di adulti”. Una proposta che non mancherà certo di sollevare ulteriori polemiche.