ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il dibattito sul futuro del paese basco, che da anni divide la Spagna, arriva oggi al parlamento europeo

Lettura in corso:

Il dibattito sul futuro del paese basco, che da anni divide la Spagna, arriva oggi al parlamento europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella seduta odierna l’assemblea di Strasburgo affronterà il tema, discutendo due bozze di risoluzione, una preparata dai socialisti, l’altra dai popolari. Una duplicità che secondo Alain Lamassoure, eurodeputato popolare francese, impedisce una approvazione all’unanimità e dunque nuoce alla possibilità di far pesare il parere dell’aula sul processo di pace.

La scelta di chiedere il sostegno dei deputati su un dossier del genere nel parlamento europeo era già stata compiuta nel 94, quando il premier britannico John Major giocò questa carta per rivitalizzare le trattative sullo statuto dell’Irlanda del Nord. Ottenendo un risultato positivo, che, almeno per Graham Watson, presidente del gruppo liberale, potrebbe ripetersi.

“Se dibattito deve essere allora cominci dalle implicazioni europee che questo processo di pace comporta. Facciamo in modo che non parlino solo gli spagnoli, e che si non voglia usare questo dibattito per fare polemiche politiche. C‘è un dibattito europeo: sentiamo cosa si pensa e andiamo avanti”.

Sulla ripresa di un tavolo negoziale coi gruppi separatisti armati baschi si era impegnato di recente lo stesso primo ministro Zapatero, convinto che per mettere fine a un conflitto politico pluridecennale non basti la sola repressione.

Nonostante la forte opposizione dei popolari, la prospettiva di una solupuzione politica trova sostenitori, tanto tra le fila del gruppo armato, quanto in ampi settori della popolazione basca.