ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Vladimir Putin conciliante sull'energia, inflessibile sulla Georgia


mondo

Vladimir Putin conciliante sull'energia, inflessibile sulla Georgia

La presenza del presidente russo Vladimir Putin al vertice sull’energia di Lahti, in Finlandia, ha provocato manifestazioni di protesta, in particolare riferite all’omicidio della giornalista Anna Politkoskaya. Putin si è mostrato conciliante di fronte ai Capi di Stato e di governo europei, dicendosi pronto ad adottare principi comuni sull’energia. Ma è stato inflessibile sulla Georgia.
“Si sta andando verso un bagno di sangue – ha detto – perché la leadership georgiana punta a ristabilire il controllo con la forza sulle repubbliche separatiste di Abkhazia e Ossezia del sud”.

I Venticinque, che sulla questione energetica hanno fatto fronte comune, hanno manifestato soddisfazione per l’esito del vertice. Il presidente della Commissione Josè Barroso: “Non permetteremo che i problemi dell’energia dividano Unione Europea e Russia come una volta riuscì a fare il comunismo”.

Mosca non ha mai ratificato la cosiddetta Carta dell’energia, che contiene principi di trasparenza e certezza degli approvvigionamenti: i Venticinque le hanno chiesto di rispettarne i fondamenti per garantire l’accesso europeo al mercato russo. L’ambasciatore di Mosca a Bruxelles Vladimir Chizhov: “Credo che le riserve della Russia siano del tutto adeguate per soddisfare qualsiasi esigenza dei membri dell’Unione europea”. Il primo ministro finlandese Matti Vanhanen, padrone di casa, ha dichiarato di aver sollevato con Putin la questione dell’assassinio della giornalista Politkoskaya, ma il presidente russo non ha voluto rilasciare dichiarazioni sul tema.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Vertice Ue: Russia e Europa promettono cooperazione sull'energia