ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Affare Clearstream:ascoltato Raffarin

Lettura in corso:

Affare Clearstream:ascoltato Raffarin

Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata importante oggi in Francia per l’affare Clearstream. Ad essere ascoltato dai giudici l’ex primo ministro Jean-Pierre Raffarin, autorizzato ieri a testimoniare dal consiglio dei ministri. Che ha dato l’ok anche a Michèle Alliot-Marie, ministro della Difesa che ai tempi ricopriva lo stesso incarico, il cui compagno era stato chiamato in causa nella vicenda.

Adesso spera di poter testimoniare anche l’attuale primo ministro Dominique de Villepin all’epoca dei fatti ministro dell’Interno. “Spero di riuscire presto a testimoniare. Ho talmente tanto sofferto per le calunnie di questa inchiesta che sono il primo ad augurarmi che sia fatta al piu’ presto chiarezza.”

L’affare è nato da presunti conti occulti nella banca d’affari lussemburghese Clearstream. Una lista, che si è poi rivelata falsa, chiamava in causa diversi esponenti della politica francese. Scoppiato nella scorsa primavera lo scandalo aveva messo in crisi il primo ministro Dominique de Villepin e scosso il governo. A farlo esplodere l’attuale ministro dell’ Interno Nicolas Sarkozy che sospettava de Villepin di aver montato una faida contro di lui proprio all’approssimarsi delle elezioni presidenziali.