ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: oggi è nato il 300 milionesimo americano

Lettura in corso:

Usa: oggi è nato il 300 milionesimo americano

Usa: oggi è nato il 300 milionesimo americano
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono 300 milioni! A svegliare stamani gli americani la notizia che la storica cifra è stata raggiunta. Non si conoscerà mai il volto di questo 300 milionesimo yankees. Non si saprà mai se si tratta di un neonato o di un immigrato che ha oltrepassato il confine.
Alla vigilia delle elezioni di mid-term, la politica sull’immigrazione divide ancora gli Usa che contano un nuovo abitante ogni 11 secondi. Gli Usa sono il terzo Paese più popolato del mondo, dietro Cina e India, ma il solo Paese industrializzato a registrare una forte crescita della sua popolazione.

In tempi in cui la crescita demografica rappresenta una ricchezza per i Paesi sviluppati, negli States questa combinata con l’american life style ha un rovescio della medaglia preoccupante. Mark Mather, dell’Ufficio di statistica e cenismento: “Una rapida crescita della popolazione rappresenta una sfida non indifferente, per quanto riguarda lo spazio utilizzabile, l’inquinamento di aria e acqua e le sorgenti d’energia”. Aumentando la popolazione aumentano in proporzione anche i bisogni. Un americano, ad esempio, usa una quantità d’acqua che in media è tre volte superiore a quella utilizzata da un altro cittadino medio nel pianeta, lo fa sapendo che il 40% dei fiumi statunitensi sono inquinati.

Che dire poi delle vetture. Se nel 1967 erano 98 milioni per 200 milioni di abitanti, oggi sono 237 milioni. Auto, riscaldamento domestico, (senza tralasciarele industrie) fanno sì che le emissioni di anidride carbonica e gas a effeto serra statunitensi siano pari a un quarto delle emissioni totali. Nel 2020 si calcola saliranno al 36%. Anche la dimensione media di un’abitazione è aumentata, malgrado sia sempre più piccolo il nucleo familiare. Un consumatore americano produce 2 chili e tre di rifiuti al giorno, cinque volte di più che in un altro Paese industrializzato.

Pari al 5% della popolazione mondiale gli americani consumano il 25% delle risorse mondiali, lasciando una traccia vistosa sul pianeta.