ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: sicurezza e banlieue. Tema portante della campagna elettorale per le presidenziali

Lettura in corso:

Francia: sicurezza e banlieue. Tema portante della campagna elettorale per le presidenziali

Dimensioni di testo Aa Aa

A un anno dall’emergenza banlieue, in Francia continuano le aggressioni contro i poliziotti. Che chiedono pene esemplari. Stamani una rappresentanza sindacale è stata ricevuta dal direttore generale della Polizia Nazionale.

Un sindacalista:

“È emergenza permanente. E molti colleghi non ne possono più. Non importa che tu sia un agente, un funzionario o un commissario, tutto sembra reggersi sulle tue spalle”.

La situazione non è migliorata rispetto all’autunno dell’anno scorso. Gli attacchi contro i poliziotti sono passati da più di 3.800 nel 2004 a 4.246 . Nel primi mesi di quest’anno hanno raggiunto il numero di 2.458.

Utima aggressione in ordine di tempo, venerdì nella banlieue parigina. Gli agenti di una volante si sono trovati di fronte a una trentina di giovani, un poliziotto è rimasto ferito. Stando alla prefettura si è trattata di un’imboscata. Dinamica identica in attacchi precedenti. I facinorosi sono giovani. sprezzanti del pericolo, che vogliono attirare su di sè l’attenzione dei media, come avvenne per la rivolta delle banlieue un anno fa.

Il timore manifestato oggi dai sindacati è che la tensione resterà alta fino alle presidenziali di maggio. Per contrastare la violenza chiedono pene severe e ferme.

Posizione condivisa da Nicolas Sarkozy, ministro dell’Interno. Il candidato alle presidenziali per la destra, alcune settimane fa, scatenando un putiferio, ha definito i giudici di Bobigny lassisti perché avevano rilasciato per l’ennesima volta un giovane che non poteva essere trattenuto in carcere. Il premier Dominique de Villepin, ormai fuori corsa per l’appuntamento della primavera prossima, ha richiamato il suo numero due e il titolare della Giustizia chiedendo di rafforzare provvedimenti e pene in caso di aggressione contro le forze dell’ordine.

Ieri ha ricevuto i rappresentanti di una ventina di associazioni delle banlieues per fare il punto della situazione. La sicurezza sarà senza dubbio uno dei temi più importanti della campagna elettorale, ormai aperta.