ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra e Dublino fanno pressione per un accordo in Irlanda del Nord

Lettura in corso:

Londra e Dublino fanno pressione per un accordo in Irlanda del Nord

Dimensioni di testo Aa Aa

Ultimi tentativi di Londra e Dublino per convincere i partiti rivali dell’Irlanda del nord a governare insieme: unionisti protestanti al fianco di repubblicani cattolici. Il premier Tony Blair e il suo omologo irlandese Berthie Ahern, a Saint Andrew in Scozia, sperano in un accordo, ma restano forti le divisioni su due questioni: la composizione dell’esecutivo biconfessionale e la polizia.

“Chi vuole entrare nel governo democraticamente -dice l’unionista Ian Paisley – deve assicurare un sostegno totale e assoluto alla polizia locale”.

Ma lo Sinn Fein di Gerry Adams non ha fiducia in queste forze dell’ordine nordirlandesi, che molti sospettano essere filo protestanti. Oggi verranno presentate una serie di proposte per trovare un compromesso, che permetterebbe di rilanciare le istituzioni dell’Irlanda del Nord, sospese dal 2002.

Data limite per un accordo: il 24 novembre, altrimenti la provincia resterà sotto l’amministrazione diretta di Londra.