ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I funerali di Anna Politkovskaya

Lettura in corso:

I funerali di Anna Politkovskaya

Dimensioni di testo Aa Aa

Oggi i russi rendono l’estremo omaggio ad Anna Politkoskaya, la giornalista assassinata a Mosca sabato, il giorno prima della pubblicazione di un’inchiesta verità sulla Cecenia. La camera ardente, allestinta al cimitero moscovita di Troyekurov, ha visto sfilare centinaia di persone. Emozione e indignazione crescono in Russia e fuori dal paese, dopo l’ennesimo omicidio che impone il silenzio a una voce critica. Quarantotto anni, Politkovskaya era forse la più celebre cronista russa all’estero perché non aveva esitato a denunciare le derive della normalizzazione forzata in Cecenia.

Sono 42 i giornalisti uccisi in Russia dal crollo dell’Unione sovietica, nel ’91. La morte di Politkovskaya riporta alla ribalta la questione della libertà di stampa in Russia. Il presidente Putin ha atteso due giorni per esprimersi e lo ha fatto solo ieri, in una telefonata con il suo omologo statuntense, promettendo indagini obiettive. Ma Reporters senza frontiere non si fida e lancia un appello per un’inchiesta internazionale indipendente.