ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Accordo sui dati dei passeggeri, la spuntano gli USA

Lettura in corso:

Accordo sui dati dei passeggeri, la spuntano gli USA

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarà piú facile per gli americani avere accesso ai dati dei passeggeri europei, in viaggio verso gli Usa. Il nuovo accordo siglato venerdí autorizzerà le compagnie aeree europee a rilasciare alcune informazioni, ma solo previa domanda delle autorità americane. Saranno a disposizione non solo degli uffici doganali, ma anche della Cia e del FBI nell’ambito della lotta al terrorismo.

Si tratta di 34 dati personali, tra cui il nome, l’indirizzo, il numero di carta di credito, il telefono e l’e-mail. Non verranno fornite indicazioni invece sulla razza o la religione.

Per il commissario europeo alla sicurezza Franco Frattini, si è evitata una situazione di confusione: “C’era il rischio di procedere attraverso accordi bilaterali tra i singoli paesi europei e gli Usa- ha detto. Questo rappresentava un grande rischio per la sicurezza e la privacy dei cittadini europei, perché avrebbe ridotto il livello di tutela della privacy”

Stati Uniti ed Europa avevano già trovato un’intesa nel 2004, ma il parlamento europeo, che non era stato consultato, si era rivolto alla corte di giustizia per far invalidare l’accordo. E l’accordo era stato annullato, ma solo per un vizio di forma.
La battaglia istituzionale ha dato tempo agli americani per chiedere di piú. Il nuovo compromesso resterà in vigore fino al luglio del 2007, in attesa di un accordo definitivo.