ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria: Gyurcsany non molla nonostante la sconfitta alle amministrative

Lettura in corso:

Ungheria: Gyurcsany non molla nonostante la sconfitta alle amministrative

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo ministro ungherese Ferenc Gyurcsany non ha intenzione di dimettersi nonostante il suo partito sia uscito pesantemente sconfitto dalle elezioni amministrative. I social-liberali al governo a livello nazionale hanno perso in 18 delle 19 province in cui si è votato, e nelle maggiori città, fatta eccezione per la capitale Budapest dove è stato confermato Gabor Demszky. “Non ho mai voluto che questa elezione si trasformasse in un referendum – ha detto il premier – anche se sono cosciente che rappresenta il punto di vista degli elettori sulla politica ungherese”.

Il presidente ungherese Laszlo Solyom, subito dopo la chiusura dei seggi, ha chiesto al Parlamento di votare una mozione di sfiducia contro il primo ministro che aveva ammesso di aver mentito agli elettori per vincere le politiche dell’aprile scorso.

La destra da due settimane organizza manifestazioni davanti al Parlamento per chiedere le dimissioni del primo ministro. Viktor Orban, leader del partito conservatore Fidesz, ha puntato sulle elezioni municipali nella speranza di trasformarle in un plebiscito contro Gyurcsany.

L’appello del capo dello Stato è stato però già respinto da Istvan Nyako: il portavoce del partito socialista ha dichiarato che la maggioranza parlamentare conferma piena fiducia al primo ministro Ferenc Gyurcsany.