ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mobilitazione europea contro l'immigrazione illegale

Lettura in corso:

Mobilitazione europea contro l'immigrazione illegale

Dimensioni di testo Aa Aa

Questo il tema della riunione che si è svolta a Madrid fra i ministri degli Esteri e degli Interni dei paesi europei del Mediterraneo, e che ha visto protagonista il ministro degli Interni francese Nicolas Sarkozy.
A proposito di politiche più restrittive, annuncia la necessità di eliminare il diritto di veto in materia d5;immigrazione a livello comunitario e dice: “Parlare va bene ma agire è meglio”.
“La mia esperienza al governo mi ha insegnato che il ripatrio dei profughi è fondamentale -sottolinea il ministro degli Interni spagnolo Alfredo Perez Rubalcaba -, perchè se la mafia dice ai clandestini raggiungete la Spagna per restare in Europa, l’altro messaggio dato con il ritorno in patria obbligatorio è: il vostro arrivo in Spagna non è garanzia di soggiorno certo”.
E proprio Sarkozy auspica la nascita di un sistema centralizzato di rilascio dei visti d5;ingresso.
“Voglio rendere omaggio al coraggio di Moratinos e di Rubalcaba – dice Sarkozy -. Per ben due volte hanno ribadito che la credibilità di una politica d’immigrazione europea e nazionale, nell’Unione europea passa per l’efficacia delle misure di rimpatrio… Un’idea condivisa”.
Il problema delle frontiere marittime europee è grave e sentito. Il ministro francese, in piena campagna elettorale, intende realizzare un patto comune sull’immigrazione con soluzioni forti, coordinate e solidali come la compartecipazione consolare sui visti, la riunificazione delle domande d’asilo e la realizzazione di rimpatri congiunti.