ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Abkhazia e Ossezia del Sud alle radici delle tensioni russo-georgiane

Lettura in corso:

Abkhazia e Ossezia del Sud alle radici delle tensioni russo-georgiane

Dimensioni di testo Aa Aa

Quello fra Russia e Georgia è un rapporto turbolento, progressivamente incrinato da quando è andato al potere il filo occidentale Mikhail Saakashvili. Dopo la Rivoluzione delle Rose nel 2003 l’orizzonte auspicabile per Tbilisi sono Nato e Unione Europea. Il principale carburante delle tensioni con il Cremlino è la disputa territoriale sulla regione filo russa dell’Abkhazia, dove Saakashvili si è recato ieri. “Vogliamo che l’Abkhazia ritorni alla Georgia in maniera pacifica” ha detto.

Il governo di Tbilisi tenta di riprendere il controllo sulla regione, indipendente de facto dal 1994. Il Cremlino dal canto suo cerca d’incorporare l’area nella Federazione Russa e ha sostenuto militarmente e economicamente il movimento separatista.

Le tensioni con la filo russa Ossezia del Sud completano il delicato quadro geopolitico della zona. L’ultimo grave episodio risale ad inizio settembre. Il ministro dell’Interno georgiano Irakli Okruachvili è uscito illeso dall’incidente del suo elicottero, colpito da colpi d’arma da fuoco mentre sorvolava l’Ossezia del Sud.