ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Blair, ultimo discorso da leader del Labour

Lettura in corso:

Blair, ultimo discorso da leader del Labour

Dimensioni di testo Aa Aa

Parole d’addio, ma rivolte al futuro. In questo spirito Tony Blair ha pronunciato al congresso laburista di Manchester il suo ultimo discorso al partito, dopo 12 anni passati al potere e tre elezioni vinte. Il premier ha elencato i successi raggiunti dal suo governo e le nuove sfide, dal sistema sanitario nazionale a quello scolastico, dalla globalizzazione al terrorismo.

“In politica, si presenta sempre una nuova sfida, la verità è che non si può andare avanti per sempre…Ecco perchè è giusto che questa sia il mio ultimo congresso come leader… Certo, è difficile andarsene. Ma è anche giusto, per il paese e per voi, per il partito”.

Blair, che se ne andrà entro un anno, ha reso omaggio al suo probabile successore, il ministro delle finanze Gordon Brown:

“So che il New Labour non sarebbe mai potuto nascere e queste tre vittorie elettorali non ci sarebbero mai state senza Gordon Brown”.

Il passaggio di consegne non si sta svolgendo tuttavia in modo del tutto sereno.

“E’ un uomo notevole, un uomo notevole al servizio del suo paese e questa è la verità”, ha dichiarato infine il premier: un’allusione forse alla presunta gaffe della moglie.

Mentre Gordon Brown, ieri nel suo discorso, definiva un privilegio lavorare con il premier, Cherie Blair avrebbe mormorato: “Sta mentendo”. Parole che la moglie del premier e Downing Street si sono affrettate comunque a smentire.