ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Cremlino stoppa Shell

Lettura in corso:

Il Cremlino stoppa Shell

Dimensioni di testo Aa Aa

Mosca blocca Shell. il progetto di estrazione del gas al largo dell’isola russa di Sakhalin, nell’oceano Pacifico, è in forse. Il ministero delle risorse naturali ha ritirato l’autorizzazione rilasciata al colosso anglo-olandese per costruire una rete di gasdotti. Shell non rispetterebbe le norme di legge in materia ambientale dato che le pipeline attraversano zone ad alto rischio dove possono essere facilmente distrutte da valanghe o altri eventi naturali.

Dietro la motivazione ufficiale si nasconderebbe la volontà del Cremlino di favorire Gazprom, la compagnia petrolifera nazionale, che vorrebbe far parte del progetto senza doverne sopportare i costi miliardari. Della questione è stata investita anche la giustizia russa. Il 21 settembre la Procura Generale di Mosca dovrebbe pronunciarsi al riguardo. A rischiare non è solo Shell. Anche la francese Total e l’americana ExxonMobil, che hanno interessi in Russia, potrebbero essere costrette a interrompere le loro attività.