ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia sotto choc per l'assassinio del vicepresidente della Banca centrale

Lettura in corso:

Russia sotto choc per l'assassinio del vicepresidente della Banca centrale

Dimensioni di testo Aa Aa

Un minuto di silenzio in apertura del consiglio dei ministri. Così il governo russo ha reso omaggio a Andrei Kozlov, il vicepresidente della Banca Centrale ucciso ieri sera da un commando di uomini armati. “La morte di Kozlov è una grande perdita”, ha detto il primo ministro Fradkov. Negli ambienti politici la convinzione prevalente è che il banchiere sia stato ucciso per la sua attività di moralizzazione del sistema economico russo. La polizia e le squadre del ministero dell’Interno stanno lavorando per ricostruire le ultime ore di Kozlov, bloccato dagli assassini all’uscita di uno stadio della capitale. Il commando, formato da almeno due persone, ha aperto il fuoco ferendo gravemente il vicepresidente e uccidendo il suo autista.

Per Andrei Murychev, responsabile dell’associazione bancaria russa, l’assassinio riporta indietro il paese di dieci anni, quando era frequente ricorrere all’omicidio per regolare i problemi. Dalla sede della Banca centrale confermano che Kozlov stava lavorando per togliere le licenze alle banche sospettate di riciclaggio di denaro sporco e di altri reari finanziari.