ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Punk spara all'impazzata in un campus di Montreal

Lettura in corso:

Punk spara all'impazzata in un campus di Montreal

Dimensioni di testo Aa Aa

Una sparatoria ha gettato il Canada nel panico. Un giovane armato fino ai denti ha fatto irruzione in un college di Montreal riuscendo a uccidere una ragazza e facendo almeno 19 feriti, prima di essere ucciso a sua volta dalla polizia. L’identità dell’assalitore non è stata precisata ma i testimoni lo hanno descritto come un ragazzo bianco sui 19 anni, vestito con un impermeabile nero, con piercing e capigliatura a cresta.

La polizia aveva inizialmente dato la caccia a tre persone ma ha poi concluso che l’aggressore ha agito solo, pur avendo tre armi con se, fra cui un fucile d’assalto. Non si conoscono le ragioni del gesto. Il giovane avrebbe cominciato a sparare senza alcun preavviso, a sangue freddo. Racconta uno studente: “Tre persone sono state colpite, oltre a lui, questo è sicuro. Ero vicino al mio amico che è stato ferito”.

“Tutti fuori. Mani in alto. – dice un’altra studentessa ricordando l’intervento della polizia – Tutti piangevano perché non sapevano niente. Volevo ritrovare i miei amici. E ho visto una ragazza, una studentessa, che veniva messa su un’ambulanza”.

Teatro della tragedia: il Dawson College, istituto pre-universitario anglofono del capoluogo del Quebec. Gli iscritti sono circa 10.000, tra i 16 e i 19 anni d’età. La tragedia riporta la memoria al massacro del Politecnico di Montreal del 1989, quando uno squilibrato uccise 14 donne.