ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Blair contestato al congresso dei sindacati

Lettura in corso:

Blair contestato al congresso dei sindacati

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ stato accolto da proteste, Tony Blair, per l’ultima volta in veste di premier al congresso dei sindacati britannici. Criticato per le posizioni prese in Iraq e in Libano, e per una politica economica, giudicata troppo liberale, Blair entro un anno, se ne andrà, come è stato costretto ad annunciare la settimana scorsa.

Ma non ha perso il senso dell’umorismo “Grazie al congresso per questa presentazione gentile… piu’ o meno. .. Abbiamo parlato poco fa della presenza o meno della stampa qui. Certo, è un peccato che non ci siano i media a riferire sul programma di aggiornamento che è stato varato, piuttosto che delle proteste nei miei confronti”

I sindacati, principali finanziatori dei laburisti, non sono mai stati teneri con Blair. Ma il confronto si è recentemente inasprito, come spiega il rappresentate sindacale Tony Woodley:

“Blair è sotto pressione perchè se ne vada al più presto possibile:ora ci troviamo di fronte alle elezioni dell’assemblea del Galles e del parlamento scozzese. E per avere almeno una possibilità di uscire vincitori in entrambi i casi, il primo ministro deve risolvere questa situazione non più tardi di marzo”.

Blair, al potere dal ’97, è l’unico laburista ad avere vinto tre elezioni di seguito. Il suo più probabile successore sembra essere il ministro delle finanze Gordon Brown.