ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaz de France: forte incremento degli utili (e delle proteste)

Lettura in corso:

Gaz de France: forte incremento degli utili (e delle proteste)

Dimensioni di testo Aa Aa

Più produzione, e a prezzi più alti: Gaz de France annuncia utili-record per il primo semestre di quest’anno, grazie soprattutto ai prezzi e ad una produzione in deciso incremento. I dati forniti oggi hanno spinto il mercato, proprio quando è in corso il dibattito parlamentare sulla fusione di Gaz de France con il gruppo Suez, ambìto anche da Enel. Con un miliardo settecento milioni sui sei mesi, l’utile netto del gruppo è cresciuto del 44% rispetto allo scorso anno. Gaz de France conta su quasi 14 milioni di utenti, e 53.000 dipendenti. E i sindacati protestano da tempo contro il progetto di fusione con Suez, che comporta la privatizzazione di Gaz de France.

La manifestazione organizzata dai principali sindacati si è svolta, insieme a uno sciopero, proprio mentre venivano presentati i risultati semestrali. Il management ha insistito sull’opportunità della fusione. È di avviso decisamente contrario Bernard Thibault, il segretario generale della CGT, principale sindacato francese: “Abbiamo un governo che gioca a Monopoli, per fare in modo che dei privati si impegnino in guerre di posizione e ottengano i maggiori benefici possibili: saremo dunque completamente dipendenti da strategie private, che gestiranno la penuria facendo salire i prezzi, e questo ci fa dire che saranno inevitabilmente i consumatori, i grandi perdenti in quest’operazione”.

Già ora, secondo i sindacati, la gran parte dell’aumento registrato per gli utili del gruppo è legata ai recenti aumenti delle tariffe: più 5,8% a inizio maggio. Il gruppo invece lamenta il tetto imposto dal governo: costato, secondo la direzione di Gaz de France, più di 330 milioni all’azienda. L’incremento dell’utile sarebbe invece dovuto soprattutto alle nuove attività di esplorazione e ad un aumento della produzione.