ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sarkozy a Bruxelles propone un mini trattato per le riforme europee

Lettura in corso:

Sarkozy a Bruxelles propone un mini trattato per le riforme europee

Dimensioni di testo Aa Aa

Battesimo europeista per Nicolas Sarkozy, che a Bruxelles ha proposto la sua ricetta per fare uscire l’Europa dalla crisi in cui l’ha gettata il doppio “no” di Francia e Olanda al referendum costituzionale dell’anno scorso. Come? Riconoscere che il trattato costituzionale è morto. E via alle riforme.

“Dobbiamo puntare su un mini trattato per realizzare le riforme istituzionali più urgenti, che va discusso e ratificato in non più di alcuni mesi”. Per il ministro dell’Interno francese, è essenziale che le decisioni comunitarie vengano prese con una maggioranza qualificata.

“Il solo modo di salvare l’Europa politica è quello di scardinare il principio dell’unanimità. Un paese ha diritto a dire di “no”, ma la sua opposizione non dovrebbe preguidicare i progetti degli altri. E’ inconcepibile che un solo stato membro possa impedire all’Unione di andare avanti”.

L’intervento di Sarkozy ha convinto l’analista Karel Lannoo che una sua vittoria all’Eliseo potrebbe rilanciare le prospettive europeiste. “Sia in Francia che in Germania avremmo una leadership più forte. In Germania c‘è già, da quando è stata eletta Angela Merkel. Ora ne abbiamo bisogno anche in Francia e penso che con questo discorso Sarkozy abbia rassicurato molte persone qui a Bruxelles. Diciamo che se venisse eletto alla presidenza della repubblica francese, la sua sarebbe una guida preziosa”.

Critici, invece, altri analisti, secondo i quali la ricetta illustrata da Sarkozy al think tank “Amici dell’Europa” pecca di semplicismo.