ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruxelles cerca un nuovo accordo con gli Usa sui dati personali

Lettura in corso:

Bruxelles cerca un nuovo accordo con gli Usa sui dati personali

Dimensioni di testo Aa Aa

Ogni trattativa sulla trasmissione dei dati personali dei passeggeri europei in transito negli Stati Uniti deve coinvolgere il Parlamento di Strasburgo. Gli eurodeputati sono pronti a trovare un nuovo accordo con gli americani, dopo che la corte europea di Giustizia ha annullato il precedente. Ma ad alcune condizioni. Ad esempio, che la richiesta di informazioni personali sia limitata. Questo venerdì, una delegazione di Washington si recherà a Bruxelles nel tentativo di trovare un’intesa. “Siamo consapevoli che questa richiesta vada inserita nel giusto contesto – dice questa eurodeputata – soprattutto dopo che il presidente Bush ha ammesso l’esistenza di prigioni segrete della Cia”.

Ma il tempo stringe e, se la Commissione Europea non avrà raggiunto un accordo con gli Stati Uniti entro la fine del mese, le compagnie aeree rischiano il caos legale. Lo ha spiegato il commissario Franco Frattini: “Voglio ricordare che se non avremo raggiunto un accordo entro il primo ottobre, le compagnie di volo rischiano denunce da parte dei passeggeri, sulla base delle diverse leggi nazionali sul trasferimento dei dati alle autorità americane”.

L’ipotesi di accordi bilaterali tra i vettori aerei e Washington non piace a Bruxelles. Le autorità americane potrebbero farsi consegnare informazioni su opinioni politiche, fede religiosa, e etnia dei passeggeri europei, che erano escluse dal precedente accordo.