ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

10 giorni dalle elezioni e la Svezia mostra voglia di cambiamento

Lettura in corso:

10 giorni dalle elezioni e la Svezia mostra voglia di cambiamento

Dimensioni di testo Aa Aa

La voglia di cambiamento potrebbe essere l’ago della bilancia nelle elezioni svedesi del prossimo 17 settembre. Dopo 12 anni di governo social democratico, la posizione del Premier Goran Persson sembra insidiata dall’opposizione di centro destra. Un centro destra riformato quello che Fredrik Reinfeldt ha presentato ieri, al primo faccia a faccia televisivo. La sua linea: ridurre le tasse per rivitalizzare l’economia di un Paese florido ma poco dinamico. Un programma che dovrà necessariamente andare a toccare il welfare state e che promette di abbassare ulteriormente il tasso di disoccupazione.

Meta ambiziosa per un Paese che ancora nel 2005 aveva un tasso di crescita superiore alla media europea e si confermava il terzo sistema più competitivo al mondo con una disoccupazione sotto al 6%. Ma un peso sulla scelta dell’elettorato potra averlo anche il recente Watergate alla svedese: i social democratici hanno denunciato i liberal popolari per essersi introdotti nella loro rete informatica dal novembre dell’anno scorso.