ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico, la protesta impedisce al presidente Fox di parlare in Parlamento

Lettura in corso:

Messico, la protesta impedisce al presidente Fox di parlare in Parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

La protesta contro il risultato delle elezioni presidenziali messicane del 2 luglio ha segnato ieri un’altra tappa. I deputati di sinistra hanno impedito al presidente della repubblica Vicente Fox di pronunciare il suo discorso sullo stato dell’Unione, l’ultimo del suo mandato che scade nel prossimo dicembre. Fox ha lasciato la sede del Parlamento. E’ la prima volta nella storia del Messico che il presidente rinuncia al suo discorso in aula, pronunciandolo poi in televisione.

L’opposizione accusa Vicente Fox di avere favorito presunti brogli elettorali che avrebbero portato alla vittoria alle elezioni del suo ex ministro Felipe Calderon. Secondo i risultati ufficiali, Calderon ha prevalso di 244 mila voti su un totale di 41 milioni.
Non ha accettato la sconfitta il suo avversario Andres Manuel Lopez Obrador, candidato di sinistra, leader di campagne contro la povertà. Ieri Obrador ha rinnovato l’invito ai suoi sostenitori a continuare a manifestare pacificamente e non cadere nella trappola della provocazione e della violenza. All’inizio di questa settimana, la massima istanza giurisdizionale in campo elettorale ha respinto il ricorso di Lopez Obrador, confermando il risultato delle urne.