ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medio Oriente, i ministri UE rilanciano la pace

Lettura in corso:

Medio Oriente, i ministri UE rilanciano la pace

Dimensioni di testo Aa Aa

I ministri europei degli esteri rilanciano: in virtù dell’accresciuto ruolo dell’Unione in Libano, ora cercano di ravvivare il processo di pace in medio Oriente. Se ne è parlato al summit di Lappeenranta, nella Finlandia sudorientale. Una tappa fondamentale per la ripresa della “road map” sarebbe la formazione di un governo palestinese di unità nazionale tra i movimenti Hamas e Fatah.
Il commissario europeo alle relazioni esterne, Benita ferrero Waldner, ha annunciato l’entrata in funzione di un meccanismo di sussidi economici assegnati a centinaia di migliaia di palestinesi. Destinatari dei sussidi – ha spiegato il commissario – sono coloro che si trovano in condizioni di grave disagio e che abbiano subito gravi perdite di reddito in seguito alla crisi finanziaria.
Il piano, voluto dal Quartetto per il Medio oriente e finanziato dall’Unione con 105 milioni di euro, permette di raggiungere direttamente la popolazione palestinese bypassando il governo di Hamas, con il quale le istituzioni europee non intrattengono rapporti.

Il summit di Lappeenranta continua anche oggi, con i ministri dei Venticinque decisi ad approfittare del momento politicamente favorevole, dopo la guerra tra Israele ed Hezbollah, per giocare un ruolo più incisivo in Medio Oriente.