ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Piú flessibilità a livello europeo sulla custodia cautelare

Lettura in corso:

Piú flessibilità a livello europeo sulla custodia cautelare

Dimensioni di testo Aa Aa

Bruxelles propone di riformare il principio di custodia cautelare per i cittadini che commettono un reato minore quando si trovano all’estero in un altro stato europeo. In base alla proposta, ad esempio se un italiano commettesse un piccolo reato in Spagna, verrebbe mandato in Italia, in regime di semilibertà prima di essere giudicato in Spagna.

Friso Roscam Abbing, portavoce del commissario alla giustizia precisa: “Questa proposta di armonizzazione implica un reciproco riconoscimento delle misure di detenzione preventiva prima del processo. Il sospetto, che deve essere un cittadino europeo, sarà in custodia cautelare nel proprio paese di residenza, invece di essere in carcere nel paese dove deve essere giudicato o sottoposto a misure coercitive”

La misura, che sarà discussa a settembre, consentirà di far uscire circa 8.000 cittadini europei. Permetterà ugualmente di risparmiare e di sfoltire le carceri iper affollate. Mantenere un sospetto in custudia cautelare costa dai 300 ai 600 euro al mese. Nel proprio paese il cittadino sarà comunque sottoposto al controllo dell’autorità giudiziaria prima del processo.