ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico: Obrador contesta la decisione del Tribunale elettorale

Lettura in corso:

Messico: Obrador contesta la decisione del Tribunale elettorale

Dimensioni di testo Aa Aa

Parla di colpo di Stato Andres Manuel Lopez Obrador, il candidato della sinistra alle presidenziali messicane, dopo la pronuncia del tribunale elettorale che ha sostanzialmente confermato il vantaggio dello 0,58% al suo avversario Felipe Calderon. Tale decisione, “offensiva e inaccettabile” – ha dichiarato – “rappresenta non solo una vergogna, ma anche una violazione dello stesso ordine costituzionale”. Il tribunale ha riscontrato effettivamente qualche irregolarità nel voto che si è tenuto a giugno, irregolarità che ha portato all’annullamento di 237 mila voti, ma che ha sostanzialmente confermato il vantaggio dello 0,58% del suo avversario Felipe Calderon.

La coalizione di Obrador deciderà se e come continuare la mobilitazione il sei settembre, quando il Tribunale dovrebbe rendere noti i dettagli della decisione e proclamare ufficialmente il vincitore. La battaglia giuridica sembra perduta ma non quella in piazza. Obrador spera di riunire più di un miglione di persone per la Convezione nazionale democratica, che si dovrebbe tenere a metà settembre, durante la quale vorrebbe costituire un governo d’opposizione da cui farsi nominare presidente legittimo.