ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

7 mila caschi blu europei in Libano

Lettura in corso:

7 mila caschi blu europei in Libano

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono circa 7 mila, la metà del contingente totale previsto, i caschi blu che l’Europa fornirà al Libano. E dopo la riunione di ieri a Bruxelles, la missione invocata dall’Onu una decina di giorni fa, entra finalmente nel vivo: le prime avanguardie francesi destinate a rinforzare le truppe Unifil sul terreno, sono già arrivate. Gli italiani partiranno martedì. Ma quali sono le competenze di questa forza?

“Il disarmo degli Hezbollah – ha chiarito il segretario generale Kofi Annan – non può essere raggiunto con la forza. Deve nascere da un accordo politico tra i libanesi, il consenso è necessario al disarmo”. Altra questione: il comando della missione. Annan ha proposto che l’Italia, che contribuisce con 3 mila uomini, prenda la guida della forza da marzo. Dallo scadere cioè del mandato del generale francese Alain Pellegrini, attualmente a capo dell’Unifil.

La Francia fornirà 2000 caschi blu, con un mandato preciso, come richiede il ministro degli esteri Michèle Alliot-Marie: “Davanti ad una violazione del cessate il fuoco o della risoluzione dell’Onu i militari devono avere i mezzi necesssari, devono poter anche sparare, per far rispettare le regole che sono state fissate”.

Infine, le truoppe dell’Onu non dovrebbero dispiegarsi lungo il confine della Siria, data la dura opposizione a questo dispositivo mostrata da Damasco.