ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I parenti delle 170 vittime a bordo del volo russo precipitato in Ucraina giunte sul sito del disastro

Lettura in corso:

I parenti delle 170 vittime a bordo del volo russo precipitato in Ucraina giunte sul sito del disastro

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono arrivati in Ucraina in serata, mercoledì, all’aeroporto di Donetsk, con un aereo proveniente da San Pietroburgo, qualcuno in auto da Anapa, sul Mar Nero, da dove l’aereo con i loro parenti era partito senza mai giungere a destinazione. Per alcuni familiari delle vittime del Tupolev russo schiantatosi martedì in Ucraina sudorientale, circa 200 persone per le 170 vittime del disastro,le operazioni di riconoscimento dei corpi all’obitorio sono state la prima inevitabile incombenza.

In mattinata raggiungeranno la spianata di Sukha Balka dove una vasta zona annerita recintata e i rottami sparsi delimitano il luogo dell’impatto. Da Anapa a San Pietroburgo, sul volo della compagnia Pulkovo, viaggiavano per lo più famiglie con bambini di ritorno dalle vacanze sul Mar Nero. Il recupero dei resti di tutti i 160 passeggeri e dei dieci membri di equipaggio è stato completato ieri pomeriggio.

Sull’area i tecnici proseguono i rilievi per arricchire il quadro di informazioni necessarie a ricostruire la dinamica del disastro. Registratori di bordo e scatole nere sono all’esame degli inquirenti. L’aereo è precipitato in fiamme trovandosi in una tempesta ad alta quota, ma le autorità restano caute nel dare spiegazioni certe sulla cause dell’incidente. Ieri in Ucriana, oggi in Russia è in vigore il lutto nazionale