ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra: su 23 sospetti, 11 incriminati per i falliti attentati. 8 erano forse "aspiranti martiri"

Lettura in corso:

Londra: su 23 sospetti, 11 incriminati per i falliti attentati. 8 erano forse "aspiranti martiri"

Dimensioni di testo Aa Aa

11 persone incriminate, 8 delle quali erano forse aspiranti martiti. E’ il risultato delle indagini sui falliti attentati di Londra del 10 agosto, che avevano portato all’arresto di 23 sospetti. “Abbiamo trovato prodotti chimici incluso perossido d’idrogeno, materiali elettrici, documenti e registrazioni video: alcune sono testamenti di martiti” ha detto in conferenza stampa Peter Clarke, capo dell’antiterrorismo.

8 dei sospetti sono accusati di cospirazione per omicidio, 3 per reati minori. Restano in stato di fermo 11 persone che, grazie alle nuove leggi antiterrorismo britanniche, possono venire trattenute fino a 28 giorni senza accuse formali.

Il ministro dell’Interno John Reid l’aveva definito “un nuovo 11 settembre”. E sugli sventati attacchi agli aerei di linea diretti negli Usa le indagini proseguono. Ma la politica del governo Blair non raccoglie consensi. Secondo un sondaggio pubblicato dal Guardian, per 7 cittadini britannici su 10 la linea tenuta sulla crisi mediorientale non ha reso il Regno Unito un Paese più sicuro.